Home Archivio Archivio news Giornalisti fermati dalla polizia durante cortei di protesta contro la corruzione in...

Giornalisti fermati dalla polizia durante cortei di protesta contro la corruzione in Russia

Almeno 11 giornalisti sono stati arrestati ieri, 26 marzo 2017, mentre prendevano parte a una protesta nazionale che coinvolgeva ben 99 città.

Migliaia di persone hanno protestato contro la corruzione del Governo. Lo sciopero, ovviamente non approvato dalle Autorità, è stato considerato illegale.

Nina Ognianova, coordinatrice del Programma CPJ  Europa e Asia Centrale, afferma che “fare ostruzionismo a giornalisti che prendono parte a proteste è comunque una forma di censura e una chiara violazione del diritto del popolo russo di ricevere informazioni di un interesse significativo sia nazionale che globale”.

Tra i giornalisti fermati durante la manifestazione a Mosca vi sono Aleksandr Plyushchev, corrispondente della stazione radio Echo Moskvy, il giornalista freelance Denis Styazhkin, Timofei Dzyadko del quotidiano RBK, Alex Luhn, corrispondente del The Guardian.

A San Pietroburgo sono stati fermati Nadezhda Zaitseva del quotidiano Vedomosti, Artyom Aleksandrov giornalista locale del Delovoi Peterburg e Sergei Satanovsky della Novaya Gazeta.

A Makhachkala, la capitale regionale della Repubblica del Dagestan russo: Sergei Rasulov del Kommersant, Faina Kachabekova del giornale online Kavkazskaya Politika; Vladimir Sevrinovsky di Eto Kavkaz, un giornale online locale.

Nella città di Saratov, sulle rive del Volga: Aleksandr Nikishin del canale televisivo Otkryty Kanal.

Tutti i giornalisti fermati dalla polizia sono accusati di aver partecipato e un corteo non legale. In seguito sono stati rilasciati, ma non è ancora chiaro se le autorità li perseguiranno per i presunti reati compiuti.

Share This